• Leila Awad

Diario di bordo, giorno 2

12 settembre 2021.


"Quando ti passa la fissa della Formula 1?" Sembra una frase apparentemente innocua, vero? Una battuta, qualcosa per cui sorridere e passare oltre. Il punto, beh, è che non era quello.

Era l'ennesimo commento che si inserisce nel lungo elenco di "quando cresci?", "quando cambi?", a cui io aggiungerei "quando smetti di emozionarti?", "quando smetti di sognare?".

Perché, siamo chiari, il sotteso è quello.


Sono cresciuta con quei commenti. Con paletti e paratie stagne e il costante promemoria che le uniche cose importanti nella vita siano lo studio/il lavoro e la famiglia.

Le passioni? Superflue. La scrittura? Distraente. Persino gli amici non sono poi così importanti.

E quando te lo senti ripetere costantemente, ti convinci che sia così. Che tu sia sbagliata, che ti emozioni per le cose sbagliate. Che se passi la giornata a leggere l'ultimo libro di Harry Potter, senza mangiare o bere e senza quasi neppure andare in bagno, c'è qualcosa che non va in te. Che se piangi davanti a una vittoria di Schumacher, sei sbagliata.

E se ti chiedono quando ti passerà una "fissa" chini il capo. Divisa tra quella voce che ti dice che devi cambiare e l'altra che vuole continuare a emozionarsi. Oggi son sbottata. Passando, naturalmente, per "quella che risponde sempre male", ma non mi è interessato. Perché non è una fissa. Lo sport non è una fissa, è una passione. Come la Storia, come il cinema. Come i libri. E non c'è alcuna ragione al mondo per chi debba passare.

Perché nella vita c'è più dell'eterna rotazione casa/lavoro. Ci deve essere di più. Voglio che ci sia di più.

E ho smesso di vergognarmi. Di chiedere scusa perché la "fissa" ho intenzione di tenermela ben stretta.

Mi fa felice, la mia fissa. Tutte le mie fisse.


E non è quello che conta alla fine?

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Natale a Mangrove House

Quando suo padre le aveva comunicato di volerla allontanare, Freya Middleton si era sentita stranamente sollevata; amava la casa della sua famiglia, nella campagna vicino Copenaghen, e la sua vita era

Diario di bordo, giorno 1

5 settembre 2021. Capita solo a me, a volte, di sentirmi una bambina negli abiti della propria madre? Non che io abbia mai davvero provato gli abiti di mia madre, non foss’altro che perché sono sempre

È il sedici di ottobre... Un buon giorno per una festa.

“Una donna che non aveva se non gli onori senza il potere, una principessa straniera, il più sacro degli ostaggi, trascinarla dal trono al patibolo, attraverso ogni sorta d'oltraggi, vi è in ciò qualc